Coming back; Bosnia Erzegovina

 

Alla fine del conflitto, il territorio della Bosnia Erzegovina è stato suddiviso in due sottostati, la repubblica Srbska e la repubblica Bosniacca. Tre rappresentanti delle etnie maggioritarie, bosniaca serba e croata, a rotazione, governano lo stato per sei mesi ciascuno. Questo fa si che la popolazione si trovi costantemente in uno stallo politico, che rende il paese sostanzialmente immutato dalla fine del conflitto.

In questa totale immobilità, una piccola parte di profughi ha fatto ritorno alle proprie case, ma nessuna forza politica ha deciso di farsi carico delle loro problematiche che vanno dalla mancanza di una casa, distrutta in molti casi durante la guerra, alla difficoltà di trovare un lavoro in un paese che non ha più un’economia e dove i rancori post bellici alimentano una chiusura totale verso le altre etnie.